invia il tuo racconto inedito
L’Altro, le abitudini e la libertà secondo Sartre
Ott12

L’Altro, le abitudini e la libertà secondo Sartre

Recensione di Giulia Costi A porte chiuse (Huis clos in francese) ha avuto un’enorme eco quando venne rappresentata per la prima volta al Théâtre du Vieux-Colombier nel maggio 1944. Nonostante il positivo riscontro da parte del pubblico e della critica, Sartre dichiarò che, spesso, la sua pièce e, in particolare l’affermazione “L’enfer c’est les autres”, è stata fraintesa. Due decenni più tardi, in occasione...

Read More
Melancholia
Set11

Melancholia

Approfondimento di Giulia Costi Il primo piano di una donna triste e emaciata alle cui spalle cadono uccelli morti dal cielo e le note di Richard Wagner al preludio di Tristano e Isotta a sottolineare la tragicità del quadro. L’anticipazione dell’Apocalisse. Questa è la scena con cui il regista danese Lars Von Trier apre “Melancholia”, film presentato per la prima volta il 18 Maggio 2011 in occasione del Festival di...

Read More
Figli dello stesso padre – Romana Petri
Lug03

Figli dello stesso padre – Romana Petri

Recensione di Giulia Costi Anche quest’anno è giunto il momento per gli Alieni di recensire i cinque finalisti dello Strega. Diversamente da ogni altra recensione che ho scritto, questa volta mi occupo di un autore italiano e, per giunta, ancora in vita. Confesso che la cosa mi mette un po’ a disagio, perché comprendo il valore che un giudizio può avere. Poi mi sono ricordata che Charlie Chaplin arrivò terzo a un concorso...

Read More
Panta Rei
Giu04

Panta Rei

Racconto breve di Giulia Costi “È sempre un piacere dare belle notizie!” pensò tra sé il medico uscendo dalla stanza in un fruscio di cartelle e radiografie. Paolo, attonito, sedeva sul lettino. La notizia della guarigione lo aveva colpito alla bocca dello stomaco mozzandogli il fiato. Non si arrischiava ad alzarsi perché aveva la netta impressione che le gambe non avrebbero retto il peso del corpo e dell’anima. Così se ne stava...

Read More
Storia di uno zero
Mag05

Storia di uno zero

Racconto breve di Giulia Costi   Non ho sogni né desideri perché necessitano di troppo fiato. Sono malata di una pigrizia incurabile, che è anche il miglior dono che la Natura potesse concedermi. A chi me lo chiede rispondo che non aspiro a nulla, ma quando mi ritrovo da sola, nel buio dei miei occhi, mi galleggia davanti la tonda figura perlacea alla quale voglio assomigliare. Dentro di me so di non aver altro destino al di...

Read More
Irrigazione srl
Apr02

Irrigazione srl

Racconto breve di Giulia Costi Tim salutò la moglie con un bacio e uscì di casa per andare al lavoro. L’aria era così secca e calda che toglieva il respiro, ma Tim, così come tutti gli abitanti di Weinenland, c’era abituato. Qualche anno prima il figlio quattordicenne gli aveva chiesto di descrivergli la pioggia, ma Tim non aveva saputo cosa rispondere, si era limitato a bofonchiare qualcosa di incomprensibile. In quel...

Read More
Giù nel buco
Mar03

Giù nel buco

Racconto breve di Giulia Costi Layne viveva in un buco sotto ad una grande quercia. E non solo ci era nato e cresciuto, ma ne era immerso dalla vita in giù. Riusciva a vedere il mondo circostante solo se si aggrappava a una delle radici della quercia e allungava ogni singolo muscolo. Più volte aveva tentato di liberare le gambe dalla morsa della terra e tutte le volte si rendeva conto che era impossibile riuscirci senza farsi tagliare...

Read More
Invito a una decapitazione – Vladimir Nabokov
Mar03

Invito a una decapitazione – Vladimir Nabokov

Recensione di Giulia Costi Che cosa abbia influenzato Vladimir Nabokov nella stesura del surreale “Invito a una decapitazione” non è ben chiaro. Alcuni sostengono siano stati i totalitarismi della cosiddetta “età della catastrofe” (1914-1945) che l’autore visse in prima persona: la rivoluzione comunista che lo costrinse ad emigrare e la sua parentesi berlinese del 1934, anno di pubblicazione del romanzo, in pieno regime nazista....

Read More